Idee per il Presepe

Presepe galleggiante

il presepe galleggiante

Ma il presepe voi lo fate?

Io no: era una tradizione della mia famiglia quella di fare presepi grandi come mezze stanze, un’abitudine che si è persa con me che sono troppo pigra per preparare un villaggio con muschio, casette, montagne, pecore e statuine.

Però, lo dice mio marito questo, lo faremo dal prossimo anno: con le statuine dell’Ottocento che recupereremo nelle varie cantine di famiglia, e un bel po’ di know-how mutuato da ore di conversazioni natalizie con nonni, genitori e zii. 

Io avrei preferito uno di questi presepi, decisamente originali per uso dei materiali e per idee di fondo: un presepe che è qualcosa di nuovo, che ricicla e riusa, che è un microcosmo di tradizione e innovazione, ma soprattutto che è bello da vedere.

I presepi di questo post sono stati fotografati ad Arco di Trento dove ogni anno viene organizzata una esposizione per le vie del borgo: da quello realizzato in un antico lavatoio (il presepe galleggiante che apre il post è il mio preferito) al presepe fatto con le uova, c’è di sicuro un sacco di materiale da cui  prendere spunto.

Continua a leggere

Prove Tecniche di Natale

IL MIO PRIMO CALENDARIO DELL’AVVENTO, IL MIO PRIMO PERSONAGGIO DEL PRESEPE. DA ADULTA.

Sono negata per la manualità, per la creatività applicata a carta e stoffa.

Quando dalla scuola dell’infanzia di mio figlio è arrivata una mail (una mail, addirittura…) con le indicazioni precise su come realizzare il proprio personale personaggio del presepe l’ho ignorata, pensando tanto io sono più un tipo da albero.

Quando le mail sono diventate tre, le segnalazioni di altre mamme sul countdown quattro e i solleciti cinque, ho capitolato, chiesto un rinvio prima e un aiuto dopo: e oggi, domenica soleggiata e tiepida, l’ho trascorsa in casa con carta, stoffa, forbici, ago e filo. Continua a leggere