Quante Storie!

 

Un tranquillo pomeriggio domenicale, io e mio figlio, una pletora di dinosauri, una cucina Ikea allestita a Grand Hotel con aragoste in casseruola, una scatola piena di macchinine e mezzi di trasporto, una borsa del dottore, due spade.

Ovvero: come inventare storie insieme ad un bambino.

Continua a leggere

E poi non sei più l’Unica

Io e Pietro

 

Che tu ti eri innamorato io non lo avevo capito.

Colpa tua che non mi raconti mai fino in fondo la tua giornata: che mi saluti al mattino da quella finestra, facendo la formichina innamorata che cammina sul vetro seguendo le mia mano dall’altra parte, che mi lanci baci con la mano già appiccicosa di qualcosa (come fai a sporcarti così, sempre e comunque, resta per me un mistero), che mi guardi fino a che non scompaio dalla visuale.

Cosa fai dopo? Quando ci rivediamo, alla sera, mi parli di dinosauri, di macchinine, di disegni di mostri, di poesie e di canzoncine. E snoccioli i nomi di tuoi amici, tutti maschili, nome e cognome, così, per non creare equivoci.

E quindi come facevo a scoprirlo da sola, che ti eri innamorato? Continua a leggere

Perché Regalare un Libro ad un Bambino

Illustrazione di Etienne Delessert

A Santa Lucia sul sito dell’editore Topipittori ho trovato questo testo di Giovanna Zoboli: è un inno ai libri e alle ragioni (che sono qui venti, ma altrove molte di più) per regalarli ai bambini.

Per me, che da piccola ricevevo doni non a Natale ma il 13 dicembre, è stato come tornare bambina e avere un bellissimo regalo da custodire e condividere.

Ho accolto quindi con piacere l’iniziativa della blogger Mammamogliedonna che della condivisione si è fatta portatrice: il suo è un invito rivolto a tutti a raccontare le buone ragioni per regalare un libro ad un bambino.

Come potevo non accoglierlo? L’attachment reading è una mia passione. Continua a leggere

Meeting Picasso

INCONTRI CON L’ARTISTA #2

Picasso_Milano_1953

 

E quasi sul photofinish sono riuscita a ritagliarmi un pomeriggio alla mostra milanese dedicata a Picasso, quella resa possibile grazie ai lavori di restauro in corso al Musée National Picasso di Parigi.

La mostra, grazie a una recentissima proroga, chiude i battenti il prossimo 27 gennaio: portateci i vostri bambini, lo capiranno.

Perché lui, Picasso, è quello che ha detto: a quattro anni dipingevo come Raffaello, poi ho impiegato una vita per imparare a dipingere come un bambino. Continua a leggere

La Stanza dell’Infanzia

COME SVILUPPARE IL PROPRIO IO CREATIVO: ALLENAMENTI #7

Do_Not_Disturb

E’ la vigilia di Natale: la magia è già qui, nella nostra casa decorata non solo da albero, ghirlande e palline, ma anche dai giocattoli di Pietro sparpagliati ovunque, con il forno acceso a cuocere il dolce che porterò stasera all’oramai tradizionale cena tra amici, con i bigliettini e i pacchetti già pronti per domani e il pranzo in famiglia.

E’ la vigilia di Natale e i pensieri sono limpidi, abbastanza buoni, un po’ nostalgici: anche La via dell’artista mi viene incontro con un esercizio che si intona perfettamente con l’atmosfera attorno.

Ve lo propongo perché è un piccolo regalo che potete fare a voi stessi in questi giorni rallentati, una piccola scusa per staccare con i festeggiamenti esterni e immergersi in se stessi, ritrovando il proprio Io bambino e la stanza della propria infanzia.

Continua a leggere

Babbo Natale sta Arrivando

TRE SETTIMANE PER PREPARARSI: PRONTI, PARTENZA, VIA!

Babbo Natale sta arrivando

E’ stato un weekend un po’ pesante per mio figlio, tra venerdì con un po’ di febbre, che sabato nel pomeriggio è scomparsa come per magia, al mega raffreddore di domenica – e quello è rimasto.

Nel mezzo abbiamo provato ad infilarci un bel po’ di preparativi per il Natale, facendoci accompagnare da questo bel libro illustrato che si presenta con un titolo invitante: Babbo Natale sta arrivando … aiutalo a organizzare una festa meravigliosa. Continua a leggere