154 anni fa

BUON COMPLEANNO, ANTON

Anton Čechov

 

A lui che odiava i compleanni, a lui che resta il mio amore mancato (per ovvie ragioni cronologiche, che altro), a lui che una volta disse:

La medicina è la mia legittima sposa, mentre la letteratura è la mia amante: quando mi stanco di una, passo la notte con l’altra.

Faccio così anche io, alterno passioni e ruoli, usando tutte le mie forze per passare da una all’altro, cercando di non perdere l’intensità di alcun momento della mia vita.

Buon compleanno, Anton.

Date un nome al Sogno

COME SVILUPPARE IL PROPRIO IO CREATIVO: ALLENAMENTI #52

Date un nome al sogno

A fine 2013 avevo proposto un esercizio, quello della ricerca dell’obiettivo (mai smettere di sognare): oggi, per questo cinquantaduesimo allenamento (o allenamente) propongo la seconda parte dell’esercizio.

Julia Cameron chiama questo esercizio di visualizzazione: a me piace chiamarlo date un nome al sogno. Che poi era il primo passaggio dell’esercizio precedente, ma è possibile che ora sia tempo di rinominarlo, di dargli il giusto nome. Continua a leggere

Una Via anche per i Piccoli Artisti

COME SVILUPPARE IL PROPRIO IO CREATIVO: ALLENAMENTI#51

Una Via anche per i Piccoli Artisti

Dalla scorsa estate è disponibile un libro molto speciale: si tratta di The Artist’s way for parents, sottotitolo Raising creative children.

L’adattamento del metodo de La via dell’artista per i genitori, con la finalità di aiutare i propri figli a crescere creativi: una bella sfida, certo, ma soprattutto una bella idea.

L’edizione non è ancora arrivata in Italia ed è reperibile solo on line in lingua inglese: non ho ancora avuto la fortuna di sfogliarne una copia e conosco i contenuti solo a grandi linee, ma oggi ho pensato di approfondire il tema dopo il colloquio in mattinata con la maestra di mio figlio, che frequenta il secondo anno di scuola dell’infanzia e che mi è stato descritto non solo come un soggetto anarchico (già lo sapevo) ma anche come dotato di pochissima creatività.

Ho accusato il colpo, sia chiaro. Continua a leggere

I Corpi di Rodin

CHE POI NON E’ SOLO UN BACIO

I corpi di Rodin_Mostra a Palazzo Reale Milano

Sempre a proposito di bellezza, qualche tempo fa mi ci sono completamente immersa.

Volutamente immersa, nonostante alcune riserve iniziali (non lo so se ho voglia di due ore di sola scultura, la scultura non mi affascina più di tanto) che il solo allestimento della mostra nella magnifica Sala delle Cariatidi ha spazzato via come aria.

La mostra dedicata a Rodin  (il marmo, la vita) resterà a Palazzo Reale, Milano, ancora per qualche giorno, fino al 26 gennaio: approfittatene. Continua a leggere