Meeting Picasso

INCONTRI CON L’ARTISTA #2

Picasso_Milano_1953

 

E quasi sul photofinish sono riuscita a ritagliarmi un pomeriggio alla mostra milanese dedicata a Picasso, quella resa possibile grazie ai lavori di restauro in corso al Musée National Picasso di Parigi.

La mostra, grazie a una recentissima proroga, chiude i battenti il prossimo 27 gennaio: portateci i vostri bambini, lo capiranno.

Perché lui, Picasso, è quello che ha detto: a quattro anni dipingevo come Raffaello, poi ho impiegato una vita per imparare a dipingere come un bambino.

Manifesto Mostra Picasso 1953

 

Si tratta della terza mostra di Picasso realizzata a Milano, dopo quella, storica del 1953 (bellissimi i manifesti che la pubblicizzarono all’epoca!) e dopo quella del 2001.

Mostra di Picasso 1953

 

Nel 1953 Picasso era in vita: in quell’occasione fu direttamente lui a selezionare le opere da inserire nel percorso della mostra. Pretese (e ottenne) l’utilizzo della Sala delle Cariatidi di Palazzo Reale per la sua opera più sofferta, importante, significativa: Guernica.

Erano trascorsi solo pochi anni dai fatti che l’avevano ispirata e Picasso volle porla, simbolo nel simbolo, nel cuore della Milano ferita, in quella Sala delle Cariatidi ferocemente bombardata, irrimediabilmente danneggiata, quasi a monito per i visitatori delle conseguenze della guerra, di tutte le guerre.

Sala delle Cariatidi Palazzo Reale

 

Guernica non appartiene al Museo Picasso di Parigi e pertanto è assente nella rassegna di Milano: ma c’è il suo ricordo nella stessa Sala delle Cariatidi, con immagini, lettere e carteggi originali. 

Ritratto di Olga in poltrona Pablo PicassoL’esposizione milanese ripercorre l’evoluzione dell’opera picassiana dal 1900 al 1972.

In 250 lavori si attraversano momenti creativi molto diversi tra loro, a testimonianza delle sperimentazioni dell’artista e anche della sua appassionata vita sentimentale.

Le donne della sua vita scandiscono i momenti della sua arte: sono sempre muse ispiratrici e ogni relazione è vissuta a fondo, senza sconti: Fernande, Olga la prima moglie, l’amante bambina Marie-Thérèse, Dora Maar, Françoise, l’ultimo fuoco Jacqueline.

Per tutte loro una vita sotto i riflettori con un uomo capace di grandi passioni come di profonde bassezze.Ritratto del figlio come Arlecchino Pablo Picasso

Romano Giacchetti, in un articolo apparso il 9 giugno 1988 su La Repubblica, recensendo la fortunata biografia Picasso: Creator and Destroyer di Arianna Stassinopoulos Huffington, scrive: La prima moglie del pittore, Olga Koklova, perse il senno. La sua amante più bella, Dora Maar, Picasso la riempì talmente di botte che impazzì anche lei. La diciassettenne Marie-Thérèse Walter si impiccò. Jacqueline Roque, la seconda moglie, morì suicida con un colpo di pistola. Il figlio Paulo, drogato e alcolizzato, morì a cinquant’ anni di cirrosi. Il nipote Pablito morì per avere ingerito il contenuto di una bottiglia di candeggina il giorno del funerale del nonno… Insomma, Pablo Picasso distruggeva chiunque entrasse nella sua orbita di Minotauro.

Mica male come sintesi.

Il bambino che morse PicassoComunque un libro per riconciliarsi con Picasso uomo c’è: Il bambino che morse Picasso di Antony Penrose, edito da Gallucci. L’autore, figlio di artisti, è cresciuto in una casa frequentata da personaggi che hanno fatto la storia dell’arte come Joan Mirò, Henry Moore, Man Ray e Pablo Picasso.

Mi chiamo Tony.

Da piccolo vivevo in una fattoria nel Sussex, in
Inghilterra, e avevo un amico fuori dal comune.
Aveva due occhi neri e profondi, un grande sorriso e mani meravigliose.

Erano davvero meravigliose perché riuscivano a fare disegni e quadri e sculture e collage e vasi e piatti e mille altre cose.

Il mio amico si chiamava Pablo Picasso ed è stato uno dei più grandi artisti mai esistiti

Per riconciliarsi con Picasso uomo, quindi,  basta guardarlo con gli occhi di un bambino.

3 thoughts on “Meeting Picasso

  1. Ho visitato questa mostra qualche tempo fa e l’ho trovata davvero ben fatta; forse avrei diminuito un tantino il numero di sale “introduttive”… un paio di volte mi sono trovata a chiedermi quando sarebbero arrivati i quadri. ^^

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...