Io, una Mamma Approssimativa

PREMIO CUORE DI MAMMA

 

Sono passati tre mesi da quando Ste di Maghella di casa mi ha assegnato il premio Cuore di mamma: vale ancora? Spero di sì perchè oggi sarei proprio pronta a fare una cosa da blogger e accoglierlo!

Comunque sia, il mio primo pensiero, in quegli afosi giorni d’estate (che ricordo con questa immagine scattata alla festa Tutti pazzi per Agazzano), è stato: allora non sono una mamma approssimativa!

 

Perché, diciamoci la verità, è sempre un po’ così che mi sento: una mamma ancora poco rifinita, una che corre e rincorre senza arrivare mai in tempo da nessuna parte, sempre poco adatta e troppo trafelata.

Una che ancora prima di rimanere incinta (ossia circa due anni prima, ché il concepimento di mio figlio non è stato esattamente uno schiocco di dita) si è letta tutto quanto è stato scritto su come allevare i figli, ieri, oggi e domani: una che era convinta che bastasse studiare per sapere fare.

Oggi è l’affetto di mio figlio, le sue dichiarazioni spontanee d’amore, quei suoi sei la mamma più buonissima del mondo, che mi fanno capire se la direzione è quella giusta, se la mia bussola interna sta funzionando, e che mi fanno tenere duro.

Il confronto con altre mamme conosciute in rete mi aiuta tantissimo: ringrazio quindi Ste per avere permesso alla mia autostima materna di rafforzarsi anche in questo frangente e di avermi dato una buona scusa per ricordare le battute dell’estate appena trascorsa.

Perché le nostre quattro settimane tra Calabria e Sicilia continuano a tenerci compagnia con due neologismi creati da Pietro: trattasi del magico #AbraCalabria (da pronunciarsi con un bastoncino di legno o una cannuccia di plastica in mano) e dell’estetico #SopraSicilia (da dire alla mamma quando, armata di pinzette, cerca di trovare il modo di mettersi in ordine). 

Passo ora il testimone ad altre blogger: tocca a loro, se lo desiderano, prendere il premio e raccontare qualcosa dei loro figli. Vi presento:

Vi consiglio di sbirciare i loro blog, dove è possibile trovare informazioni utili, ritrovarsi in riflessioni interessanti, instaurare nuovi confronti.

E poi hanno tutte bimbi vivaci di cui sorridere insieme: e questo è un altro modo per consolarsi dall’essere madri approssimative.

46 thoughts on “Io, una Mamma Approssimativa

  1. Grazie grazie!!
    Andrò a sbirciare i blog che non conosco e poi penserò che cosa scrivere nel post.
    Ma più che approssimativa mi sembri una mamma vera, nel senso di reale e realista!🙂

  2. in effetti avevo notato una certa impennata delle visite al blog, cioe`tolto mio marito, mio cognato, mio padre, mia sorella, mia cugina e compagnia cantante… chi avrebbe potuto essere interessato alle mie elucubrazioni? grazie. dici che posso tirarmela col parentado?

  3. Ma grazie, davvero! Vado subito a curiosare gli altri blog che hai consigliato🙂
    Un abbraccio
    Ps. prometto che farò quanto rima anche io questa “cosa da blogger”😉

  4. Ma perche` secondo te cosa sono io? Una mamma NON approssimativa????
    Ma l’hai visto il mio blog????
    Dai stai buona e rilassati va la` che le mamme approssimative non abitano in questo blog.
    Ciao Scake

    • Grazie Scake, sempre dolce!
      Però ti rendi conto che io con un figlio solo sono sempre in panne e tu che di figli ne hai decisamente molti di più riesci a fare tutto, ricette deliziose comprese?

  5. anche io sono una mamma approssimativa….e va bene così!!! Se fossimo perfette….sai che noia?? di cosa potremmo ridere con i nostri figli se non delle nostre dimenticanze??? il mio mi dice sempre…mamma ma dove hai lasciato la testa??
    perchè io sono quella che si dimentica la merenda, il grembiule, al nido il bavagliolo e il cambio vestitini, non preparo torte ne la pizza fatta in casa, il quaderno che serviva lo compro sempre dopo 3 giorni….etc.etc…..
    e poi come dice “priorità e passioni”….la parola mamma non basta?? e mi unisco a lei nel dirti che secondo me sei una mamma speciale e quindi complimenti per il premio!!!

    • Grazie carissima, oggi i miei livelli di autostima si impennano! Comunque le cavolate peggiori che faccio mica le scrivo sul blog🙂

      Te ne regalo una al volo: nel corredo di Pietro per la scuola dell’infanzia erano previsti anche una spazzola e un cuscino. La spazzola l’ho presa settimana scorsa, il cuscino alla fine me lo hanno comperato (e regalato…) loro.

  6. Occavolodeicavoli O.O ma grazie mille! E io che quando ho letto il tweet e poi il titolo del post ho pensato ‘ecco, me so pure beccata dell’approssimativa’. Beato pessimismo!😀

  7. Cara Grazia, in pratica con questo tuo post mi hai letto nel pensiero… Il mio senso di inadeguatezza, però, si gonfia a dismisura – ahimé – proprio guardando tanti blog di mamme. Mi domandavo, infatti, proprio stamattina, come fanno a fare tutto: cucinare delizie di tutti i tipi, autoprodursi qualsiasi cosa in casa, fare lavoretti per e con i bambini, leggere miliardi di libri e, infine, riuscire a documentare il tutto sul blog … Tali pensieri fluivano mentre mi arrabattavo tra la spesa e i panni da stirare, i testi da battere e la rapida passeggiata con il cane, riuscendo a malapena a pranzare prima di riprendere Miranda al nido. Ed ecco il senso di inadeguatezza…🙂

    • Devo dirti che secondo me c’è una forte componente caratteriale: forse io e te siamo più propense a questa sensazione di altre.

      Le cose, se posso in qualche modo consolarti, migliorano un bel po’ dopo lo scollinamento dei tre anni: per me da aprile, maggio in avanti le cose sono molto migliorate. Con alcune punte di ansia tremenda, vedi l’inserimento alla scuola dell’infanzia, e ancora l’organizzazione del pasto serale (che resta comunque il nostro tallone d’Achille!), il fiato corto oramai non è più il mio compagno quotidiano.

      Tieni duro, Tamara, anche Miranda diventa grande…

      • Grazie! Cercherò di consolarmi e di stringere i denti…La mia domanda a me stessa è: ma se dovessi decidermi per il secondo figlio? Aiuto!! In pratica dovrei rimanere in apnea più o meno per i prossimi 6 anni?:/
        Comunque sì, la componente caratteriale è indubbiamente rilevante in questo senso di inadeguatezza. Come mi dice spesso il mio compagno, non riesco a vedere tutte le cose che comunque riesco a fare e mi concentro solo su quelle che mi mancano.
        Il pasto serale è pure per me un po’ uno strazio. Vorrei sempre cucinare qualcosa di diverso e con un po’ di estro, ma poi la fantasia mi passa e faccio il minimo indispensabile.😀
        Dai dai, che sei una mamma molto più rifinita di quello che pensi! (E forse pure io …)

        • Io ci penso da due anni, in modo concreto, intendo: ma, come per la prima (e forse unica) gravidanza, la fortuna non è dalla mia parte.
          Se dovesse succedere forse l’approssimazione potrebbe trovare la sua apoteosi, ma vuoi mettere con la bellezza, il profumo, il futuro di un cucciolo?
          Vale la pena rischiare.

  8. Capisco e condivido il tuo disagio e il sentirti approssimativa in certi momenti…
    Io, sola con il mio piccolo, a volte mi sento un giocoliere con troppe palle in aria per riuscire a prenderle tutte…
    Una cosa mi consola: i nostri figli ci amano proprio così come siamo!
    Buona serata,
    a presto!
    :-))

  9. Ma grazie cara per avervi inclusa in questo gruppo di simpaticissime mamme.
    Anche io faccio parte della categoria delle mamme approssimate e sento quel senso di inadeguatezza quando cerco di fare tutto quello che certe mamme fanno e non riesco a concludere mai nulla.
    Era così anche prima di avere un figlio, facevo mille cose insieme, ma riuscivo a portarle a termine e ad essere anche “la più brava” in alcune di esse, mi rendeva felice eccellere.
    Ora mi sembra di non eccellere più i nulla, perchè il tempo è tiranno e occuparsi di un figlio è la priorità ineluttabile di ogni madre, così abbozzo e rinuncio, o meglio, posticipo, alcune delle mie passioni.In attesa che i tempi(e mio figlio) siano più maturi.

    Un bacione cara amica blogger!

    • Il tempo è tiranno ma è anche un po’ tuo amico: tuo figlio crescerà e tu avrai più tempo per te e per tutte le passioni che ti affollano la mente.

      Benvenuta nel club!

  10. Pingback: E poi non sei più l’Unica | ToWriteDown

  11. Pingback: This is not a chain | thesunmother

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...