Giorni con Zorba e Fortunata

STORIA DI UNA GABBIANELLA E DEL GATTO CHE LE INSEGNO’ A VOLARE

20121013-112441.jpg

Devo a mio figlio la scoperta di quella che a mio parere è una delle più belle storie per bambini (e per adulti) scritte negli ultimi decenni: Storia di una gabbianella e del gatto che le insegnò a volare di Luis Sepúlveda.

Una storia che ci tiene compagnia nei nostri spostamenti (il cartonato è comodo per essere trasportato in ogni borsa della mamma, anche quella più piccola) e che recentemente abbiamo anche visto come cartone animato avendo trovato il DVD in biblioteca.

Quindi in questo sabato, in ritardo, certo, ma spero ancora in tempo, vorrei parlarne alle amiche del Venerdì del Libro di Paola.

Il romanzo di Sepúlveda, edito da Salani, è entrato nella mia libreria prima della nascita di Pietro: mi era stato consigliato dalla psicologa dell’Ospedale Buzzi di Milano dove ho frequentato il corso pre parto, la stessa psicologa da cui tornai finiti i quaranta giorni di puerperio per lamentarmi di tutte le informazioni che si era volutamente dimenticata di passarmi. Come le difficoltà dell’allattamento, la mancanza cronica di sonno (che, purtroppo, nel mio caso è proseguita per ben tre anni), le tempeste ormonali che non facevano altro che farmi scoppiare in lacrime ogni momento: ok, è decisamente lunga la lista, ne parlerò in un’altra occasione.

Il libro era parte di una lista di letture consigliate a chi sta per diventare madre o madre è da poco. Ma quel volumetto, dalla copertina così bambina, era rimasto chiuso: solo dopo l’arrivo del cartonato La nascita di Fortunata nella libreria di Pietro ho deciso di aprirlo e di leggerlo.

E in effetti la storia di Zorba, gatto madre suo malgrado, e di Fortunata, la gabbianella che si crede un gatto, è davvero una favola adatta a chi è quasi madre o lo è diventata da poco: aiuta ad alleggerire le aspettative, a sorridere delle difficoltà, a leggere le metafore che la maternità porta con sé, ad accettare le proprie imperfezioni che, con la nascita di un figlio, brillano come pietre lunari su sfondi scuri.

Come ci ricorda Zorba, i successi arrivano solo dopo una serie di errori, e Vola solo chi osa farlo.

Nella foto che apre questo mio breve articolo ci sono tutti gli ingredienti per somministrare questa favola alla famiglia: un libro per la neo madre, un libretto cartonato per un bambino curioso, un film da vedere tutti insieme, papà compreso.

Questa favola ha suggerito a mio figlio il complimento più bello finora ricevuto, quel sei la mamma più buonissima e più bellissima del mondo che mi fa trovare nuove risorse e nuove energie anche quando pensavo di averle finite. Davvero.

18 thoughts on “Giorni con Zorba e Fortunata

  1. Tu lo sai che questo libro è tra i miei preferiti? L’ho amato da ragazza e l’ho apprezzato ancor di più leggendolo alle bambine. Le ho portate anche a vederlo al teatro, se hai voglia trovi qui il mio scritto:
    http://prioritaepassioni.blogspot.it/2012/01/piu-teatropiu-valori.html
    Ora sono in trepidante attesa per il nuovo libro di Sepulveda storia di un gatto e del topo che diventò suo amico che uscirà a breve.

    • Ho letto ieri sera il tuo post, non sapevo della trasposizione teatrale, mi piace!
      Come ho scritto a la ‘povna, non conosco bene Sepúlveda, ma la sua produzione favolistica mi interessa: la approfondirò quanto prima.
      Un abbraccio

    • Devo ammettere una certa ignoranza su Sepúlveda.
      Di lui, a parte questa favola, ho letto solo Patagonia Express riguardo al quale al momento non ricordo molto.
      Buon week end!

  2. Sepulveda e’ uno dei miei autori preferiti….è questo libro lo rileggerò volentieri a breve con mio figlio.

    Loro…i nostri cuccioli sanno sempre come scaldarci il cuore!!!!!!

  3. Mia figlia M. ha letto questo libro e dice che e’ bello il fatto che il gatto aiuti un uccellino per una promessa fatta. Io pensa non l’avevo mai letto nonostante di solito legga prima tutto quello che leggono loro per andare sul sicuro.
    Scake

  4. devo procurarmi libro e dvd che sono certa piaceranno molto ad Alice, non sapevo esistesse la versione editoriale anche per i bimbi, grazie di questa rivelazione…

  5. Pingback: Homemademamma » Venerdi’ del libro: New York New York

  6. Avevo visto il corto parecchi anni fa e mi spinse a leggere il libro. Quest’anno porterò la mia canaglietta a vedere lo spettacolo teatrale. Si capisce che mi piace?

  7. Ciao ! Io sono innamorata di Sepulveda, e specialmente di questo suo capolavoro ! Qualche giorno fa sono incappata nella splendida notizia che a breve uscirà un altro suo libro, che in qualche modo potremmo considerare come appartenente allo stesso filone : Storia di un gatto e del topo che diventò suo amico. Ne ho parlato qui : http://angelawriter90.wordpress.com/2012/10/18/luis-sepulveda-e-i-gatti/

    Non vedo l’ora di leggerlo insieme a mio fratello !!🙂

  8. Pingback: Io, una Mamma Approssimativa | ToWriteDown

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...