Summer Time (Part Seven)

PICCOLI LETTORI CRESCONO. SOPRATTUTTO D’ESTATE

 

Non c’è che una stagione: l’estate.
Tanto bella che le altre le girano attorno.

L’autunno la ricorda, l’inverno la invoca,
la primavera la invidia e tenta puerilmente di guastarla.

Ennio Flaiano, Diario degli errori

Per l’ultimo appuntamento di Summer Time, consigli per le letture estive, torno su un tema a me assai caro, la formazione di quel attachment reading nei bambini e nei ragazzi che li aiuterà a conservare per tutta la vita l’amore per i libri e la lettura.

Un processo, quello del diventare lettori, che la stagione estiva facilita, come una piccola incubatrice che sfrutta il tempo (e il calore) per lasciare germogliare i semi.

E poiché la libertà e la scelta personale, come in tutti gli ambiti, anche nella lettura funzionano, e portano a maturare affiliazione, è importante lasciare ampia scelta ai nostri ragazzi, figli, nipoti e o solo amici che siano.

Sfogliare fumetti è un ottimo modo per coltivare la lettura (senza dimenticare che i graphic novel, i romanzi grafici o romanzi a fumetti, rientrano in un genere di tutto rispetto), ma anche accettare che nostro figlio porti in spiaggia il volume del comico o del cantante del momento può rappresentare un mattoncino in più nella creazione di un lettore.

Come ho già scritto in un precedente articolo, la stagione delle scelte verrà dopo: ed è per questo che diventa importante continuare a lasciare tracce, suggerimenti, regalare ricordi di nostre letture, tratteggiare personaggi, luoghi ed emozioni di storie i cui titoli prima o poi riaffioreranno nelle giovani menti.

Cosa suggerire agli adolescenti? Ho ragionato a lungo sulla selezione da proporre in questo appuntamento: poi mi sono detta che non sarei mai riuscita a creare un elenco significativo come quello che la ‘povna ci ha regalato nei giorni di chiusura di questo anno scolastico.

La sua selezione comprende generi letterari diversi tra loro, con un occhio di riguardo per la storia del Novecento e per gli autori italiani: libri da leggere per migliorare le proprie capacità espressive, le proprie conoscenze storico letterarie, ma anche e soprattutto per crescere.

L’articolo della ‘povna è questo, vi rimando allo stesso per la sua ricca selezione (più di settanta titoli!).

Come ho già avuto modo di scriverle ieri, in una redazione ideale sarebbe irrinunciabile la sua presenza: i suoi suggerimenti di lettura e le sue analisi sono sempre di altissimo profilo, la lettura dei suoi articoli mi arricchisce.

Questo è l’ultimo appuntamento di Summer Time: di seguito vi segnalo i precedenti articoli di questa breve ma spero utile rubrica estiva.

  • Part One: le mie letture estive
  • Part Two: classici che consiglio per l’estate
  • Part Three: una selezione di libri per i più piccoli
  • Part Four: libri per provare a cambiare il mondo
  • Part Five: quattro ebook per l’estate
  • Part Six: manuali e guide su moda e cibo
  • Part Seven: in questo articolo, suggerimenti per bambini e adolescenti

4 thoughts on “Summer Time (Part Seven)

  1. Carissima, eccomi qua. Innanzi tutto ti ringrazio, ancora una volta, per le tue parole, la stima e la collaborazione che si sta creando a partire dalla nostra conoscenza virtuale. E se ci fosse una redazione sarei onorata di farne parte, per lavorare e imparare reciprocamente tutti insieme.
    Per quanto riguarda i titolo, come ti accennavo in altra sede, mi fa piacere che la mia scelta possa trovare un dialogo comune con le famiglie dei nostri ragazzi, perché si aggiunge un tassello a una educazione che per essere tale deve essere partecipata e condivisa.
    Questa estate sto sperimentando altre letture da proporre: ho qualche difficoltà ad ampliare la rosa, ma qualcosa sto trovando, forse, e nel caso manderò aggiornamenti, man mano.
    Grazie ancora del rilancio del tuo post, e più ancora degli spunti sempre interessantissimi che si trovano qui sopra!

  2. Ciao! Grazie al tuo commento sul mio post ho scoperto questo bellissimo blog, che inserisco nel mio blogroll e seguirò con piacere🙂
    Sono sempre felice quando vedo, non solo bambini e adolescenti che leggono, ma soprattutto adulti che li educano a farlo, anche perchè mi rendo sempre più conto che tanto dipende dagli adulti di riferimento: se a un bambino si fa capire la bellezza della lettura, lui considererà un libro come un regalo bellissimo e un’attività irrinunciabile. I genitori che invece arrivano in libreria a comprare per i figli i libri da leggere in estate e scelgono i più brevi (il criterio più orrido per scegliere un libro!) perchè “questi poveri ragazzi studiano tutto l’anno e devono leggere anche in estate” scatenano in me istinti omicidi e mi fanno davvero cadere le braccia.
    Infine, sono d’accordo con te sulla relatività di ciò che leggono i ragazzi: l’importante è l’azione in sè, le scelte sono personali e il gusto si affinerà.
    Piacere di averti conosciuta e a presto!

    • Ciao Cri,
      il tuo punto di vista di libraia che ascolta le richieste dei genitori e dei ragazzi e ha modo di filtrarle e di veicolarle (per quanto possibile) mi interessa molto, quindi credo che mi troverai molto spesso dalle tue parti.
      A presto!
      Grazia

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...