Chi ha Paura dei Killer Creativi?

 

– Ma perché lasci che si sporchi tutto in questo modo?
– Non puoi dargli un giornale da tenere sotto mentre usa gli acquarelli?
– Guarda che così spargerà farina ovunque…

Chi pronuncia queste frasi in casa mia è solitamente mia madre, preoccupata per il decoro degli ambienti; raramente mia suocera, ma solo perché la si vede poco; qualche volta io, quando a un certo punto i colori finiscono sul muro e la farina sul tappeto, e mi ritrovo a dirmi ma chi me lo ha fatto fare.

Sia io che mio marito in certi ambiti siamo abbastanza laschi con Pietro: quando si tratta di dare sfogo alla fantasia, di usare materiali e strumenti nuovi, di sperimentare e di scoprire lasciamo correre. Soprattutto in estate che è un tempo lento e libero per tutti, bambini in testa. Continua a leggere

Summer Time (Part Six)

MODA E CIBO (NON SOLO) PER SIGNORINE

 

Per il sesto e penultimo appuntamento con Summer Time, consigli per le letture estive, propongo alle signore in lettura quattro manuali che trattano due argomenti a cui dedicare almeno una parte delle letture estive: due temi frivoli (ma non troppo), quali alimentazione e moda, su cui si spendono fiumi di inchiostro in ogni periodo dell’anno (soprattutto sulle riviste femminili) e che lasciano talvolta molto disorientate, con un accumulo di informazioni sovrapposte e talvolta contraddittorie con cui fare i conti.

Perché lo scopo non è quello di diventare una Barbie, ma solo quello di stare bene con se stesse. Continua a leggere

Nove Anni Fa

Anni fa scrivevo lettere d’amore a pagamento: il fatto che le mie prestazioni fossero saldate in monete d’oro, inutilizzabili in questo mondo, e che il tutto si svolgesse in un’ambientazione fantasy medioevale non diminuiva il mio impegno né la mia ispirazione.

Ogni tanto scrivevo anche per la me stessa virtuale, per quel personaggio costruito con i resti di tante figure letterarie e di cui vestivo quotidianamente gli abiti da guascone al femminile.

Oggi mi manca, tanto.

Continua a leggere

Ieri di Agota Kristof

Ogni essere umano è nato per scrivere un libro, e nient’altro.

Un anno fa, il 27 luglio 2011, moriva Agota Kristof, ungherese, scrittrice del dolore e dell’esilio: la sua fama è legata alla Trilogia della città di K, Le grand cahier insieme a La preuve e Le troisième mensonge.

Di lei ho molto amato Ieri ed è così che oggi la voglio ricordare. Continua a leggere

There’s Going to Be a Baby

A inizio anno, durante uno scalo aereo, ho trascorso un’ora abbondante in una libreria dell’aeroporto a far passare libri illustrati per bambini: ero incappata in una collezione notevole, considerato lo spazio a disposizione e il pubblico eterogeneo di passaggio.

E’ così che ho conosciuto l’edizione originale di E’ in arrivo un bambino di John Burningham, con le bellissime illustrazioni di Helen Oxenbury di cui amiamo molto anche Dieci dita alle mani, dieci dita ai piedini.

Mi è tornato alla mente oggi: quel libro lo sfogliai con un amico in viaggio con me, lo stesso amico che oggi mi ha comunicato la notizia che presto sarà papà. Ebbene sì, il bimbo in arrivo non è il mio, purtroppo, ma non smetto di sperare di poter prima o poi dare la notizia riferita a me stessa. Continua a leggere