Lunch & Bookcrossing

LIBRI LIBERATI IN PAUSA PRANZO

 

Capita almeno un paio di volte la settimana di voler fare un pasto decente anche in quell’oretta stiracchiata e del tutto flessibile che rappresenta la pausa pranzo: capita di voler passare molto spesso questo tempo ad Angolo Milano, un ristorante del Quartiere Isola che unisce lettori e cibo grazie al bookcrossing.

Leggo gli usati perchè le pagine molto sfogliate e unte dalle dita pesano di più negli occhi, perchè ogni copia di libro può appartenere a molte vite e i libri dovrebbero stare incustoditi nei posti pubblici e spostarsi insieme ai passanti che se li portano dietro per un poco… ficcati in una stufa d’inverno, strappati dai bambini per fare barchette, insomma ovunque dovrebbero morire tranne che di noia e di proprietà privata, condannati a una vita in uno scaffale.

Questa frase tratta da Tre Cavalli di Erri De Luca accompagna ogni libro rilasciato, ogni libro lasciato libero affinché possa essere ritrovato e letto da nuovi occhi, regalando un’avventura ai proprietari dei libri, ai libri stessi e ai loro nuovi lettori.

 

Il libro che ho ritrovato è L’uccello che girava le viti del mondo di Murakami Haruki.

Il mio primo Haruki: perché dopo avere letto la sua storia, averne ricercato l’umanità in diverse interviste, essermi letta le recensioni delle sue opere e comunque non essermi mai decisa di prenderne una, beh, ha deciso lui per me. Ed è capitato sulla mia strada.

E io non so dire no alle opportunità che incontro: soprattutto se sono fatte di parole inanellate ad arte per costruire storie.

 ***

A proposito di bookcrossing, vi ricordo l’iniziativa che trovate in Cento Volte ToWriteDown!

11 thoughts on “Lunch & Bookcrossing

  1. Ma che meraviglia ;)!
    Ti perdo d’occhio qualche giorno e voilà!
    Intanto anche se in ritardo congratulazioni per i 100 post ;)!
    Bellissima l’idea del bookcrossing…
    Un abbraccio!

    • Secondo me potremmo fare partire una caccia ai ristoranti/trattorie/pub/bar e similia in tutte le nostre città: ho il sospetto che, seppur nascosti, ci siano.
      Se ne trovi uno dalle tue parti, segnalalo!

  2. Allora non sono l’unica che ha avuto questa idea! complimenti a chi l’ha realizzata, è magnifica! per quanto riguarda Murakami, io di lui ho letto “Norwegin Wood” ed è un libro di una bellezza unica, consigliatissimo🙂

  3. Aver vissuto nel quartiere Isola per tre o quattro anni e non essersi accorti di nulla… Sarò che allora facevo l’università, e l'”appa” era un dormitorio…
    Che bell’idea, la suggerirò ad una amica che ha un bellissimo bar in città!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...