I’m One of The Versatile Blogger

Sono passate esattamente due settimane da quando ho scritto il primo articolo per ToWriteDown e ho già occasione di festeggiare con voi: ho infatti ricevuto in questi giorni il testimone come The Versatile Blogger, riconoscimento assegnatomi da Tamara (che potete leggere nel sul suo interessante La collina dei barattoli, un mix di interessi, passioni e vita quotidiana a cui mi sento vicina).

Grazie quindi per questo riconoscimento che so essere nato proprio per promuovere i blog più recenti, senza molta storia alle spalle.

L’accettazione del premio mi “obbliga” a svelarvi sette cose di me che non conoscete. Considerato che in due settimane ho raccontato poco o niente del mio personale non dovrebbe essere difficile, eccole qui.

  • Le mie radio preferite sono tre: Virgin, Popolare  e Ventiquattro, che ascolto a rotazione a seconda dei miei bisogni di musica, informazione, cultura.
  • Sono una pessima cuoca e riesco a copiare le ricette degli altri solo se mi vengono spiegate nei minimi dettagli.
  • La stessa cosa, quella dei minimi dettagli, mi serve quando devo raccogliere informazioni su una via o una località che non conosco: non ho alcun senso dell’orientamento e mi perdo in continuazione.
  • Ho una passione per i supermercati, i centri commerciali, i mercati rionali, gli outlet: non per una questione di shopping ma perchè sono affascinata da cosa la gente compra, come lo fa, in che quantità.
  • Quindici anni fa ho scritto un romanzo e non ho mai avuto voglia di farlo leggere a nessuno: in compenso tutto quello che ho scritto successivamente, storie, sceneggiature, lettere, racconti,  li ho fatte leggere a chiunque. Forse quello è solo mio.
  • I miei fiori preferiti sono i papaveri: non si possono raccogliere, sfioriscono in mano.
  • Ho bisogno di isolarmi per ricaricarmi. La cosa mi viene particolarmente bene utilizzando i seguenti stratagemmi: passare un pomeriggio all’hammam, passeggiare in campagna (il top è lungo la costa tra Monticello e Pigazzano), visitare un museo, vedere un concerto. Le alternative sviluppate negli ultimi anni quali succedanei alle attività succitate sono: stare nella vasca da bagno per ore, passeggiare lungo la Martesana, sfogliare libri d’arte e cataloghi di mostre con lo stereo acceso.

 

Quello che ora devo fare è passare il testimone ad altri: e lo farò nei prossimi giorni.

9 thoughts on “I’m One of The Versatile Blogger

  1. Cara Grazia, ti ho ringraziato anche da me per le tue parole e per questo post. Mi sono piaciute molto le cose che hai scritto di te. Come ti ho scritto da me, la frase sui papaveri è davvero bella. Mi hai fatto sorridere in quella sul senso dell’orientamento. Su quel punto io sono all’opposto, perchè ho un grande senso dell’orientamento, ereditato da mio padre.😉 Non sono mai stata in un hammam. Forse dovrei provare🙂.
    Ma ti riferisci a Pigazzano in provincia di Piacenza? Scusa se te lo chiedo (se non ti va, puoi anche non dirmelo), ma mio padre è originario di Bardi (i miei sono entrambi emiliani, ma vivono in Piemonte) e adesso lavora nei pressi di Piacenza (oltre che a Milano) e mi pare di averglielo sentito nominare in passato.
    Ti ringrazio ancora tanto e ti abbraccio forte.
    A presto,
    Tamara

    • Pigazzano comune di Travo provincia di Piacenza: uno dei posti più belli dove vedere le stelle, soprattutto se guardi il cielo dal Castello dei Volpi.

      Sono orgogliosamente emiliana, anche se qualcuno dice che essere nata nell’ultimaprovincia non vale e in molti credono che Piacenza sia in Lombardia.

      Papaveri forever!

      • Anch’io dico sempre che sono emiliana (anche se sono nata in Piemonte), suscitando il sorrisino orgoglioso di mio padre.🙂 Mia madre è della provincia di Ferrara. Da bambina tutte le estati, invece, andavo in vacanza al paese di mio padre. Ho sentito parlare il dialetto per tutta l’infanzia. Ho molti parenti sparsi per l’Emilia, tra Bardi, Bologna, Ferrara e paesini vari. Non mi sono mai potuta sentire piemontese, quindi anche io mi dico orgogliosamente emiliana.🙂

    • Riformulo la frase🙂

      “Ho una passione per i supermercati, i centri commerciali, i mercati rionali, gli outlet: E non SOLO per una questione di shopping ma perchè sono affascinata da cosa la gente compra, come lo fa, in che quantità.”

      Buona giornata!

  2. Io riesco a far sfiorire anche i fiori di plastica… ho un pollice arido!
    Io adoro la Martesana e non vedo l’ora che si allunghino le giornate per andare al lavoro in bici… un paio d’ore di sana fatica, per svuotare il corpo e la mente.

    • Ti invidio la possibilità di avere due ore da passare in sella: la bici mi manca tantissimo, ma al momento non riesco a farcela stare dentro le mille cose che vorrei fare.
      Hai definito molto bene la sensazione che mi dava: svuota davvero e sinceramente ogni tanto ne avrei bisogno. Tipo vuoto a perdere.

  3. Pingback: Altre scuole. Scuola Rinnovata di Milano | ToWriteDown

  4. Pingback: Why ToWriteDown? | ToWriteDown

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...